top of page

Una storia di grandezza - i soprannomi di Roma

Roma è una città che fa parte dell’immaginario collettivo: un’infinità di turisti l’hanno visitata, e anche per chi non ha avuto la possibilità di passeggiare tra le sue strade, ci sono altri modi di conoscerla, per esempio attraverso canzoni, film, documentari, libri d’archeologia, d’arte o di storia, o anche romanzi e fumetti dove la capitale italiana costituisce l’ambientazione scenografica perfetta. E tantissimi conoscono almeno uno dei soprannomi di Roma.

Ma siamo sicuri di sapere quale sia l’origine di tutti quei nomi con cui si è soliti riferirsi a tale città unica e straordinaria? Perché Roma è chiamata caput mundi, l’Urbe o la Città eterna? Cerchiamo di scoprirlo insieme!

Il Colosseo, simbolo di Roma. Foto presa dal sito focus.it.

Una storia grandiosa iniziata tanto tempo fa

La fondazione mitica di Roma è attribuita a Romolo, il 21 aprile del 743 prima dell’era cristiana. In quel periodo era solo un piccolo villaggio e lo sarebbe stato per un po’. Ma, col tempo, l’insediamento iniziò a crescere, anche grazie alla cultura degli etruschi, che con le loro conoscenze eccezionali permisero di creare strutture di ingegneria civile incredibilmente avanzate.

Se si pensa che ancora oggi in molte città d’Italia e d’Europa sono tuttora in funzione le cisterne e gli acquedotti romani, si capisce che una buona parte della grandezza di Roma non fu merito di condottieri né di artisti, ma dei creatori di opere civili senza le quali non ci sarebbe stato niente del fasto romano.


Uno dei detti ancora più usati in Italia recita: «tutte le strade portano a Roma». E sapete perché? Perché effettivamente tutte le principali vie di comunicazione dell’enorme impero che per secoli dominò il mondo allora conosciuto in Occidente, erano state progettate per permettere a chi le percorresse di giungere facilmente alla capitale. Bastava camminare.

E infatti uno dei modi con cui Roma è ancora conosciuta è ‘caput mundi, che in latino significa ‘testa del mondo’. Roma era la testa di un gigantesco corpo costituito da tutti i territori conquistati. Ancora oggi per gli italiani, e in particolar modo per i romani, è totalmente normale usare quest’espressione, da cui fra l’altro deriva la parola ‘capitale’ per indicare la città più importante di uno stato.


La città per eccellenza

Un altro soprannome di Roma deriva pure questo dal latino ed è ‘l’Urbe’. Urbs significava ‘città’, qualsiasi città. Ma gli antichi romani avevano l’abitudine di definire Urbs la città principale, tanto che il loro modo di contare gli anni era ben diverso dal nostro. Chiaramente i romani non tenevano conto della nascita di Gesù (che era ancora lungi dall'essere rilevante) e tenevano nota del trascorrere degli anni ‘ab Urbe condita’, ossia dalla fondazione della Città, Roma stessa.

Da questo modo di rivolgersi a Roma deriva anche un’espressione tipica della chiesa cattolica, di cui Roma è la sede principale a livello mondiale. Il Papa è prima di tutto il vescovo di Roma. Per questo esiste un’espressione per indicare una benedizione che egli realizza chiamata ‘urbi et orbi’, cioè alla città e al mondo. Prima Roma, poi il resto del pianeta.


Una città per l'eternità

Infine e soprattutto, Roma vanta anche il titolo di ‘Città eterna’, ma non per via della religione, come qualcuno potrebbe pensare. L’espressione, infatti, ha origini ben più antiche del Cristianesimo. Sembra che il primo ad averla utilizzata sia stato un famoso poeta latino del I secolo a.C., Albio Tibullo, che, per riferirsi a un tempo antichissimo, scrisse un verso che, tradotto dal latino, suona come ‘Romolo non aveva ancora innalzato le mura dell’eterna città’.

Il foro romano, dove si apprezzano resti monumentali. Foto presa dal sito museumsrome.com.

Sicuramente gli stessi antichi romani avevano la percezione che Roma fosse particolare, che sarebbe durata molto a lungo, forse per sempre. Certo, non potevano immaginare quello che sarebbe successo con l’avvento del Cristianesimo, né col Rinascimento e il trionfo dell’arte. Eppure già oltre duemila anni fa l’Urbe era così grandiosa e magnifica da essere considerata assolutamente unica, inimitabile e indimenticabile.


E bisogna ammettere che nessuno dei soprannomi di Roma, sebbene siano di origine molto antica, può essere considerato fuori luogo o inappropriato. La Città eterna continua ad essere speciale.


188 visualizzazioni0 commenti

Post correlati

Mostra tutti
Ricevi GRTATIS ONLINE
il giornale italiano bilingue

La tua richiesta è stata inviata

2.jpg
business-3560917_1920.jpg

Vuoi perfezionare

il tuo Italiano?

la mia vita logo-01 - copia.png

**Perfezioni la lingua con 4 professori contemporaneamente**

✅ Classi individuali - tu decidi giorno e ora
✅Accedi all'Ospedale di Italiano per domande specifiche di grammatica

✅Parli tutti i giorni con professori madrelingua per integrare la lingua nella tua quotidianità
✅ e il 4to professore che ti segue durante tutto il percorso di studi per. avere una reale connessione con Italia

Perfeziona la lingua italiana con professori madrelingua
bottom of page